RePiave
RePiave
Un nuovo corso per il Basso Piave

Decreto rilancio: 55 miliardi di € per far ripartire l’Italia


 

Il Consiglio dei Ministri il 13 marzo ha approvato il “Decreto Rilancio”, con interventi per 55 miliardi di euro a favore di imprese, partite IVA, lavoratori e famiglie: ecco, in sintesi, alcune delle principali misure:

Imprese e Partite IVA

  • Contributi a fondo perduto di entità variabile per imprese e Partite IVA fino a 5 milioni di fatturato, in proporzione alla perdita di fatturato di aprile 2020 e ai ricavi dell’impresa.
  • I versamenti di IVA, ritenute e contributi già sospesi negli scorsi mesi riprenderanno a settembre. Non pagheranno l’IRAP di giugno (saldo 2019 e acconto 2020) imprese e autonomi con fatturato fino a 250 milioni;
  • I 600 euro di bonus già erogati a marzo a partite IVA e liberi professionisti saranno versati agli stessi beneficiari anche per aprile. In maggio il contributo salirà a 1000 euro per chi ha subito una riduzione di almeno il 33% del fatturato rispetto al secondo bimestre del 2019;
  • Credito d’imposta pari al 60% delle spese di affitto versate nei mesi da marzo a maggio per imprese fino a 5 milioni di fatturato che abbiano subito una riduzione degli introiti superiore al 50% rispetto all’anno precedente nel mese di riferimento. 
  • Crediti d’imposta al 60% per lavori edilizi legati alla sicurezza anti-Covid e per gli interventi di sanificazione degli ambienti di lavoro.
  • Niente oneri fissi in bolletta fino a luglio

Turismo e Cultura

  • Credito d’imposta pari al 60% delle spese di affitto versate nei mesi da marzo a maggio per le strutture alberghiere, che abbiano subito una riduzione degli introiti superiore al 50% rispetto all’anno precedente nel mese di riferimento, indipendentemente dal volume d’affari registrato lo scorso anno 
  • Alberghi e stabilimenti balneari non pagheranno l’acconto IMU di giugno;
  • Previsti voucher utilizzabili in parte come sconto (80%) in parte come credito d’imposta (20%) presso alberghi e strutture ricettive con un valore variabile da 150 a 500 euro in base a composizione del nucleo familiare e ISEE.
  • Istituito un fondo di 210 milioni per il sostegno delle librerie, della filiera dell’editoria e degli altri luoghi della cultura. Prevista l’attivazione di un fondo (con importo da confermare) anche per TV e radio locali

Lavoratori

  • Cassa integrazione fruibile per una durata massima di nove settimane nel periodo dal 23 febbraio al 31 agosto, con possibilità di richiedere altre cinque settimane nello stesso periodo per le aziende che abbiamo esaurito le nove settimane concesse. Possibilità di richiedere altre quattro settimane utilizzabili dal 1 settembre 2020 al 31 ottobre 2020
  • Reddito di emergenza compreso tra 400 e 800 euro per famiglie con ISEE fino a 15.000 euro.
  • Aiuti alle imprese per evitare licenziamenti e sospensione dei licenziamenti per giustificato motivo oggettivo fino al 17 agosto;
  • Sanatoria per la regolarizzazione di immigrati impiegati in agricoltura e per collaboratori familiari e badanti. Scudo penale e amministrativo per i datori di lavoro. Permessi di soggiorno di sei mesi per chi ha il permesso scaduto e cerca lavoro nei settori citati;
  • Indennità di 500 euro per i mesi di aprile e maggio a collaboratori familiari e badanti.

Famiglie

  • Salgono a 30 i giorni di congedo parentale straordinario pagato al 50% per genitori con figli fino a 12 anni. I giorni di congedo sono fruibili tra il 5 marzo e il 31 luglio, dunque il totale comprende anche quelli eventualmente già utilizzati dal 5 marzo ad oggi
  • il bonus baby sitter aumenta a 1200 euro (al netto delle somme eventualmente già usufruite nei mesi scorsi) utilizzabili anche per l’iscrizione ai servizi socio-educativi territoriali, ai centri estivi e ai servizi integrativi o innovativi per la prima infanzia
  • Diritto allo smart working per i dipendenti con figli fino a 14 anni, a condizione che, nel nucleo familiare, l’altro genitore non benefici di strumenti di sostegno al reddito per sospensione o cessazione dell’attività lavorativa oppure non lavori
  • Ecobonus maggiorato: detrazione fiscale del 110% in 5 anni sulle spese sostenute entro il 31 dicembre 2022 per l’efficientamento energetico e la messa in sicurezza degli edifici.

Ecco il link alla Conferenza Stampa successiva all’approvazione del decreto: http://www.governo.it/it/articolo/decreto-rilancio-conferenza-stampa-palazzo-chigi/14600

A breve il provvedimento sarà pubblicato in Gazzetta Ufficiale.

Imprese e associazioni

Summer: un nome colorato, che sa di sole e di mare: ed è proprio vicino al mare che Summer inizia...
Tintoria Damiani è un’azienda storica di San Donà, ormai alla terza generazione. Negli anni è diventata un punto di riferimento...
Il Centro Nuova Opportunità è un servizio socio-educativo nato nel 2001 all’interno della Cooperativa Sociale “Il Portico” e realizzato in...
SOLUZIONI S.r.l. propone da anni una gamma di prodotti di alta qualità nel settore dei serramenti, degli infissi, delle porte...
Carpe Diem è un sogno che è diventato realtà. Nasce nel 2015 dalla passione di Veronica, precisamente il 13 giugno...
DueG è uno studio fotografico con sede a Noventa di Piave. È un ambiente genuino e dinamico dove Eva ed...

Instagram