RePiave
RePiave
Un nuovo corso per il Basso Piave

Filz

Contatti
Telefono:
3293882190
Indirizzo:
Corso Silvio Trentin 135, 30027 - San Donà di Piave (VE)
E-mail:
geremia.bianchi@gmail.com
Social:
Servizi:
Birra artigianale, Filz ipa

L’azienda e la sua storia

FILZ è una birroteca indipendente situata nel cuore di San Donà di Piave.

È un’attività giovane non solo perché nata da pochi anni, ma soprattutto per l’età e la vivace energia di tutte le persone che la popolano, siano essi membri dello staff o clienti.

Nonostante la recente apertura, il locale è già diventato un punto di ritrovo, di scambio e di scoperta. Il titolare, Geremia Bianchi, ha una grande passione per il suo lavoro ed è sempre attento a stimolare la curiosità degli avventori: è consolidata consuetudine quella di cambiare molto spesso le birre alla spina, presentando novità esclusive, prodotti locali e chicche dai luoghi più remoti. 

Ma FILZ si occupa anche di produzione e ha creato una birra omonima – FILZ IPA – che rappresenta l’unica costante all’interno dell’assortimento e occupa sempre il primo posto al rubinetto della spina. Questa birra particolare nasce da un malto d’orzo coltivato a Noventa di Piave che conferisce al prodotto un carico dorato ed una leggera nota di biscotto, caratteristiche che ben si sposano con la prepotenza aromatica di tre luppoli Americani che invece sprigionano intensi aromi fruttati ed una delicata amarezza.

Situazione attuale

Essendo un pubblico esercizio che opera soltanto in orario serale, con l’avvento delle restrizioni FILZ è rimasto chiuso per oltre un mese. «Le cose che più ci mancano sono l’amicizia e la comunità che ogni giorno ci circondava» commenta Geremia. Poiché la sua offerta è incentrata sulla vendita di birre artigianali e altri drink, in un primo momento il servizio di consegna a domicilio era stato escluso.

Nelle ultime settimane, invece, nel rispetto delle normative, Geremia e il suo staff hanno deciso di testare il servizio di delivery: il pack di FILZ include birre artigianali selezionate, un bicchiere serigrafato con il logo del locale ed alcuni extra. È inoltre in fase di sperimentazione un sistema di confezionamento e consegna di birra alla spina in bottiglie di vetro riutilizzabili.

 

 

Iniziative per ripartire

Ma non tutto il male viene per nuocere: uno degli aspetti positivi di questa situazione è che lo staff di FILZ ha ora il tempo di ideare nuove strategie comunicative e organizzative e di cercare nuovi prodotti da inserire nel suo assortimento. Sebbene questo stop forzato renda necessario limitare i costi, Geremia e il suo staff vivono questo momento come uno stimolo per migliorarsi.

Appena avrà la possibilità di riaprire, Geremia punterà ad incentivare l’asporto per evitare fenomeni di eccessiva aggregazione, ricostruendo al contempo il rapporto con il pubblico e l’atmosfera tipica creata dalla truppa del FILZ.

Geremia guarda al futuro con coraggio: «attendiamo con trepidazione e fiducia il giorno in cui scatterà il “liberi tutti” e potremo dissetare quanti sono rimasti a bocca asciutta in questo complicato periodo».